Se la tecnologia aiuta a studiare il deficit cognitivo da trauma cranico