Scoperto un nuovo meccanismo all’origine della steatoepatite