Perché Anonymous ha scelto proprio il 5 novembre per svelare l’ultimo furto di dati