Nazionale, i motivi per credere in Mancini (ma anche per preoccuparsi)