«Meglio come attaccanti»: la dura vita dei difensori che segnano ma traballano