In una mostra l’ossessione per selfie e fotine nella società social