Il ginecologo: “Lavorare fino al parto non è una conquista, non fate le superdonne”