E’ morto Burt Reynods, divo machista

L’attore Burt Reynolds, idolo machista della Hollywood anni ’70 e ’80, è morto all’età di 82 anni. Di origini irlandesi e indiane cherokee, Reynolds si è spento a Jupiter in  Florida, a causa di un arresto cardiaco. L’attore aveva raggiunto la fama e il successo prima con film come “Hawk l’indiano” o “Navajo Joe”, di Sergio Corbucci, poi con film di grande successo come “Un tranquillo weekend di paura”, “Quella sporca ultima meta”, “Il bandito e la madama”. Non ha mai vinto l’osca anche se nel 1997 era stato candidato all’ambitissima statuetta d’oro come attore non protagonista per la sua interpretazione in “Boogie Nights”.

Una carriere comunque lunga e di successo che aveva fruttato a Raynolds stima ed ammirazione da parte di molti colleghi al punto che Quintin Tarantino, nonostante l’età e le difficili condizioni di salute, lo aveva scritturato per il suo prossimo film “Once upon a time in Hollywood”, le cui riprese cominceranno il prossimo autuno. Per Tarantino ora non sarà facile sostituirlo.

Red / Giut)