Alberto Fernández, il peronista «moderato» che spaventa i mercati